Articoli
 
Le 20 "Piante amiche" degli escursionisti

Le 20 "Piante amiche" degli escursionisti

22 Nov 2019

Quando ci avventuriamo in cammino nella natura, potremo sentirci totalmente persi nella sua fitta e variegata vegetazione. Alberi, piante, fiori ed animali si fondono in una danza selvaggia e travolgono completamente i nostri sensi fino a farci perdere..la bussola!

I camminatori più esperti lo sanno, la natura può diventare la nostra più preziosa alleata solo se conosciamo ne conosciamo i segreti. Dunque, il miglior modo per avventurarsi in una caleidoscopica e misteriosa selva, è quello di provare a riconoscere piante ed erbe, che grazie alle loro proprietà possono rivelarsi utili durante il nostro viaggio a piedi: si possono trovare erbe utili per rilassarsi o riprendere energia, per trovare sollievo dalle punture di insetti e zanzare, per piccoli malesseri e infortuni ma anche tante piante commestibili o da cucinare una volta giunti a casa.

Oggi ti parlerò delle caratteristiche di piante ed erbe che caratterizzano le zone del Mediterraneo, cosicché la prossima volta che ti metterai gli scarponcini per perderti tra boschi e colline, potrai divertirti a riconoscere questi piccoli alleati.

Inoltre, anche se le erbacce probabilmente sono solo piante di cui ancora non sono state scoperte le virtù, ho per te un preziosissimo consiglio: non improvvisarti mai esperto conoscitore! Il minimo errore potrebbe comportare conseguenze per niente piacevoli.

Ecco un breve elenco di alcune delle piante amiche di tutti i camminatori:

 1. Rosmarino Selvatico

Rosmarino Selvatico


Valido aiuto per abbassare i livelli di glucosio nel sangue e grande alleato per la memoria. Basterà annusarne qualche rametto per rinvigorirsi e riprendersi dalla fatica del cammino grazie alla sua azione energizzante. Ottimo da utilizzare come tisana per le vie respiratorie, in caso di raffreddore, tosse o febbre e per eliminare le tossine accumulate nel fegato.

 

 2. Menta Selvatica

Menta Selvatica


Tra le tante proprietà c’è sicuramente quella germicida, basterà infatti strofinare delle foglie sui denti e sulle gengive oppure masticarle per eliminare tutti i batteri all’interno della bocca, o in caso di alito cattivo. Grazie alle proprietà antinfiammatoria si avrà un senso di freschezza e sollievo. Il mentolo contenuto nella menta ha proprietà che stimolano l’attività gastrica; è quindi un valido alleato contro i problemi di digestione. Il mentolo, inoltre, ha proprietà analgesiche ed antiemetiche; la menta può quindi essere utilizzata per combattere nausea e vomito. Questa pianta può essere molto utile, anche in caso di punture di insetti come api, zanzare e vespe oppure di lievi ustioni. Basterà pestare un paio di foglie e metterle direttamente sulla parte interessata.

 

 3. Salvia

Salvia

 

Famosa per le sue molteplici proprietà: oltre ad essere amica del fegato, a dare sollievo durante i dolori mestruali, è anche un ottimo digestivo, e potrà aiutare l’escursionista grazie alla sua azione antinfiammatoria e balsamica. La foglia un po’ abrasiva della salvia, se sfregata sui denti è un ottimo sostituto del dentifricio, pulisce e lucida lo smalto e rinfresca l’alito. Come tisana è usata per calmare i dolori di stomaco, è digestiva, diuretica e balsamica. Inoltre, la digestione difficile può essere coadiuvata grazie alle virtù dell’infuso di salvia. Una bevanda calda già di per sé è un toccasana per lo stomaco, ancor più se arricchita di principi attivi dalle proprietà coleretiche, che sollecitano la produzione di bile per una corretta emulsione dei grassi.. È utile anche in caso di flatulenza e diarrea, grazie alle sue proprietà astringenti

 

 

 4. Carruba

Carubba

 

Se ti capita di incontrare l’albero di carrubo durante la tua escursione, non esitare a cogliere alcuni dei suoi frutti. Oltre a essere molto usata in cucina, la carruba è una buona fonte di zuccheri per cui va bene quando si consumano troppo energie. Il consiglio è quello di masticarle lentamente in modo da assaporare al meglio il gusto.

 

 

 5. Corbezzolo

Corbezzolo

 

Questo frutto non è molto conosciuto ma molto utile in caso di febbre e diarrea. Si può assumere sotto forma di tisana o decotto, ma si può anche direttamente mangiare essendo un’ottima fonte di vitamina C. Ha un sapore molto particolare dal gusto pastoso. Tra le proprietà ha il potere antinfiammatorio, diuretico e astringente.

 

 

 6. Margherita Selvatica

Margherita Selvatica

 

Pestando le foglie e i fiori della margherita si ottiene una cremosa mistura da applicare sulla pelle in caso di eruzioni, foruncoli ma anche arrossamenti e ascessi. Antinfiammatoria, lassativa, rilassante, calmante: I fiori e le foglie in infusione sono un ottimo rimedio contro l’ipertensione, sono astringenti . Ottimi per infusi contro l’insonnia.

 

 

 7. Saponaria

Saponaria

 

Se stai passando vicino ad un torrente, apri bene gli occhi perché è molto probabile che tu possa scorgere la pianta Saponaria. È un detergente naturale. Basta strofinarne un po’ tra le mani per averle pulitissime.

 

 

 

 

 8. Olmo

Olmo

 

Albero molto comune e facile da trovare nei nostri boschi. I suoi frutti sono ottimi da mangiare ma si consiglia di raccoglierne le foglie e farne tisane e decotti: astringenti e depurativi, da bere in caso di febbre e laringiti.

 

 

 9. Tarassaco

Tarassaco

 

Benché questa pianta produca dei bellissimi fiorellini gialli, sono solo le sue foglie e la radice ad essere usate per le sue proprietà. Buono da mangiare in insalata cruda, nonostante il suo sapore amaro, il tarassaco è ricco di potassio, calcio e vitamine e aiuta la diuresi.

 

 

 10. Malva

Malva

 

Lo stesso vale per la Malva. Si usano le foglie di questa pianta per le sue proprietà antibatteriche e antisettiche. Si possono masticare perché hanno il potere di disinfettare il cavo orale, sfiammare gli ascessi dentali e le afte. Facile da trovare in primavera, è ottima da utilizzare per infusi e decotti.

 

 

 11. Aloe

Aloe

 

Rigenerante e cicatrizzante, aiuta le ferite a guarire. Sulla pelle ha un effetto antinfiammatorio e idratante, favorisce la ritenzione di acqua nei tessuti della pelle. Funziona anche come antipiretico, dando sollievo i caso di scottature, sulle quali si può applicare direttamente come in caso di infiammazioni e febbre. Inoltre ostacola la crescita dei funghi, virus e batteri.

 

 

 12. Lavanda

Lavanda

 

I fiori di lavanda sono molto preziosi perché ricchi di principi attivi che li rendono sedativi e calmanti per il sistema nervoso, da utilizzare in caso di ansia, agitazione, nervosismo, mal di testa e stress e insonnia. Calma dolori e spasmi addominali, distendendo la muscolatura del ventre. Calma i nervi, ed è una pianta molto usata anche per le vertigini, le emicranie e i dolori nervosi di testa.

 

 

 13. Timo

Timo

 

Il timo rappresenta un diffuso rimedio naturale famoso per le sue proprietà disinfettanti e antisettiche. Famoso fin dai tempi dell’antico Egitto, possiede proprietà antibatteriche e antisettiche. Si possono masticare i suoi rametti che hanno il potere di disinfettare il cavo orale, sfiammare gli ascessi dentali e le afte.

 

 

 14. Piantaggine

Piantaggine

 

È un’erba molto diffusa. Non tutti sanno che è un ottimo rimedio contro il fastidio delle punture degl’insetti: basterà sfregarsi la puntura con una foglia, in modo che il suo succo lenisca la pelle. Inoltre, ha doti fortemente cicatrizzanti: tritandone le foglie si ottiene un emulsione da mettere direttamente a contatto con la ferita, questo ne favorirà la guarigione e bloccando l’emorragia.

 

 

 15. Elicriso

Elicriso

 

Questi piccoli fiorellini gialli hanno un buon profumo e foglie argentee. Le sue proprietà sono antiossidanti, antibatteriche e antifungine, è inoltre astringente e dà sollievo alla pelle arrossata e screpolata. Si può preparare un decotto e applicarlo sulla pelle con una garza, in caso di scottature solari o eczemi.

 

 

 16. Ferula

Ferula

 

Spesso viene scambiata per la pianta del finocchio, ma la ferula non profuma assolutamente: è una pianta bassa che mette un fiore su un lungo bastone. Se si secca, questo bastone può diventare un ottimo sostituto dei bastoncini da trekking : leggero e resistente , perfetto per aiutare il camminatore.

 

 

 17.Artemisia

Artemisia

 

È un’erba che cresce praticamente ovunque. Ha grandi foglie argentee ed un forte odore pungente. In antichità venivano usate per fare l’Assenzio, la droga di Boudelaire. È la perfetta erba del viaggiatore: avere sempre un ciuffo in mano o in tasca, e annusarlo ogni tanto, dà tono ed energia.

 

 

 

 

 18. Erba barona

Erba barona

 

Si tratta di un timo profumato al limone e cresce solo in luoghi soleggiati sulle montagne del Mediterraneo. Si devono raccogliere solo le piccole o i rametti. Ottima per fare infusi : tonificante e antibatterica e ottima per le vie respiratorie.

 

 

 

 19. Finocchietto

Finocchietto

 

Rinfrescante e digestiva: la pianta del finocchietto, ricca di germogli rinfrescanti e digestivi, davvero molto buoni da mangiare. Viene utilizzato in caso di difficoltà digestive, aerofagia o vomito. I suoi semi sono ottimi per fare infusi contro i processi fermentativi dell’intestino. Molto utilizzato anche per cucinare.

 

 

 20. Orapo, spinacino selvatico

Orapo, spinacino selvatico

 

L’orapo o spinacino selvatico, ha foglie triangolari ed è facilmente riconoscibile per una polvere che rimane sulle mani quando si tocca. Ne vanno raccolte le foglie, e dopo averle bollite in acqua diventa ottimo per qualsiasi ricetta.

 

 

 

 

Sei curioso di trovare queste piante di persona o di far da Cicerone agli amici durante un cammino? Scegli quando partire, contattaci ed inizia subito a organizzare il tuo viaggio a piedi.

`
TROVA il tuo viaggio ideale!
TROVA il tuo
viaggio ideale!
Durata?

Informazioni

Organizzazione tecnica
sloWays srl
Via al Castello 8
13883 Roppolo BI
P. IVA 02576590026

Questo sito utilizza cookies. Leggi la nostra politica-sulla-privacy.
extraSmallDevice
smallDevice
mediumDevice
largeDevice