Il sentiero del castagno
 
Articoli
 
Di sentieri, castagne e cose che piacciono a me

Di sentieri, castagne e cose che piacciono a me

09 Nov 2020

Per me, l’autunno inizia con la prima castagna mangiata.

Da vera appassionata quale sono, inauguro l’inizio della stagione molto prima che le foglie inizino a tingersi di giallo. E difficilmente la concludo prima che si affacci dicembre.

Stavo appunto mangiando una castagna quando ho pensato di scrivere questo articolo; volevo unire due fra le mie cose preferite, l’arte e le castagne – sono ancora indecisa su quale delle due mettere per prima, per ordine di importanza – e non ho potuto far altro che pensare al Keschtnweg, il Sentiero del Castagno.

Siamo in Alto Adige, nella Valle Isarco. Il percorso si snoda dalla località di Varna, a pochi chilometri a nord di Bressanone, fino a raggiungere l’altopiano del Renon.

Sentiero del castagno

Il nome del cammino, nemmeno a dirlo, si rifà chiaramente agli alberi secolari che dimorano in queste terre. Scientificamente conosciuti come Castanea sativa, i castagni sono specie vegetali originarie dell’Asia e acclimatate fra le nostre montagne in tempi lontanissimi, probabilmente dai romani. Con i loro frutti provvidenziali hanno sfamato intere generazioni ed oggi danno il nome ad un sentiero ad alta quota fatto di boschi, praterie, leggende misteriose, streghe, folletti e villaggi arroccati.

Sentiero del castagno - sloways

Fra questi, una menzione d’onore spetta a Chiusa, il pittoresco borgo di cui rimase affascinato  il pittore tedesco Albert Dürer, durante il suo viaggio-studio in Italia. Fra i massimi esponenti della pittura rinascimentale nordica e straordinario incisore, Dürer scelse la cittadina di Chiusa come sfondo della sua “Grande Fortuna”, un’incisione allegorica purtroppo andata perduta. Il punto panoramico da cui ritrasse il borgo è tuttora raggiungibile a piedi e restituisce la stessa prospettiva di cui si servì l’artista per la realizzazione dell’opera.

Chiusa - sloways

Incisione a bulino della cittadina di Chiusa, Albert Durer. Rappresenta il paesaggio che faceva da sfondo all'incisione della "Grande Fortuna", andata perduta.

Ma come nelle fiabe più belle, il finale riserva sempre le sorprese migliori: attraversato l’ultimo castagneto, oltrepassati i famosi pinnacoli di terra argillosa, si arriva a Castel Roncolo, il maniero illustrato originario del XIII secolo che rappresenta la tappa ideale e conclusiva di questo cammino incantato.

Sentiero del castagno - sloways "Le piramidi di terra", pinnacoli di terra formatisi a seguito dell'erosione di rocce moreniche di origine glaciale.

Sentiero del castagno - sloways

Castel Roncolo, il castello medievale noto come "maniero illustrato", conserva un importante ciclo di affreschi della cultura cavalleresca e dell'amor cortese.

Sulle pareti del castello rivivono antichi rituali di corteggiamento fra dame e cavalieri, balli di corte, tornei di caccia e divertimenti sfarzosi. Una rilettura figurativa degli antichi codici cavallereschi e delle letteratura medioevale più famosa di tutti i tempi; primi fra tutti il ciclo di affreschi legato alle leggende di Re Artù e alla storia d’amore per antonomasia fra Tristano e Isotta.

Un viaggio nella favola attraverso le immagini che verrà svelato nella sua interezza solo a chi sarà disposto ad addentrarsi nel castello alla ricerca di un sogno - evanescente ma bellissimo come solo i sogni sanno essere.

Trovi il viaggio qui: Sud-Tirolo, il Sentiero del Castagno 

Chiara Martelli Scritto da Chiara
`
TROVA il tuo viaggio ideale!
TROVA il tuo
viaggio ideale!
Durata?

Informazioni

Organizzazione tecnica
sloWays srl
Via al Castello 8
13883 Roppolo BI
P. IVA 02576590026

Questo sito utilizza cookies. Leggi la nostra politica-sulla-privacy.
extraSmallDevice
smallDevice
mediumDevice
largeDevice