La Via Francigena in Val di Susa

Difficoltà
2
Distanza
94 km
durata
7 giorni | 6 notti
periodo
Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott
prezzo da
€ 0
Impronta CO2
99 Kg/persona
  1. Italia
  2.  | 
  3. Cammini
  4.  | 
  5. Codice del viaggio ITSM290

La Valle di Susa si estende nel cuore delle Alpi Occidentali: con i suoi passi, il Monginevro e il Moncenisio, rappresenta da sempre un ponte tra l’Italia e il resto dell’Europa - una via di pellegrinaggio per chi dalla Francia si metteva in cammino verso Roma. E in effetti questa valle incantevole fu teatro del primo pellegrinaggio di cui abbiamo un resoconto scritto – l’Itinerario Burdigalense, nel 333 dc. 

Il nostro itinerario alla scoperta di questa valle incantevole parte da Susa, città romana, e prosegue oltre il Moncenisio tra abbazie, santuari, castelli, e la magia unica della Sacra di San Michele, uno dei simboli del Piemonte. Giunti nella nobile Torino, il percorso attraversa riserve e parchi naturali urbani fino a Chivasso, patria di pittori, eroi e letterati. 

Da non perdere

  • Lasciati stupire dall'imponente e misteriosa Sacra di San Michele,
  • Scopri le origini romane di Susa,
  • Attraversa paesaggi incontaminati e fuori dai sentieri battuti,
  • Assaggia i piatti locali che fondono la cucina francese e italiana, come la focaccia dolce, le cajettes e la bondiola

Itinerario

Giorno 1

Arrivo a Susa

Arrivo a Susa

La storia millenaria della Val di Susa si legge nell’Arco di Augusto, l’arena romana, le mura della città, gli scavi archeologici e il castello – dimora della contessa Adelaide di Torino. La Cattedrale di San Giusto e il suo imponente campanile a pianta ottagonale sono il risultato tura che si è stratificata nel tempo, dal 1029-l'anno in cui l'abazia benedettina fu costruita agli interventi gotici e neogotici tra il 13º e il XIX secolo; le stratificazioni sono anche evidenti nelle decorazioni della sua facciata, come l'entrata di Cristo a Gerusalemme e i medaglioni di santi e profeti. L'interno è decorato con preziosi dipinti altari decorati e un coro ligneo del XIV secolo.

Giorno 2

Transfer a Moncenisio e cammino fino a Susa, 15 km

Transfer a Moncenisio e cammino fino a Susa, 15 km

Si inizia a camminare: attraversato il colle del Moncenisio, il lago e i tornanti della gran scala alle nostre spalle, imboccherai la centenaria strada reale che porta al villaggio di Moncenisio - una volta conosciuto come Pereira, si è sviluppato grazie al suo ruolo strategico di sosta obbligata lungo il cammino. Il sentiero delle con museo e la chiesa parrocchiale di San Giorgio permettono ai visitatori di scoprire ancora di più sul villaggio. Da qui si torna a Susa con una prima camminata incantevole.

Distanza: 15 km

Dislivello: +135, -1071 m

Giorno 3

Da Susa a Vaie, 20 km

Da Susa a Vaie, 20 km

Oggi lascerai Susa alle tue spalle, ma non temere, la bellezza è anche davanti a te: ti dirigi verso Urbiano, una frazione del villaggio di Mompantero, dove i resti di un acquedotto romano testimoniano il suo ruolo di antico insediamento romano. Famosissimo qui è “Fora l’Ours!” una giornata celebrata in concomitanza con il rito celtico dell’Imbolc: l’addio all’inverno è rappresentato da una caccia all’orso (finto) che ballando con una ragazza testimonia l’armonia tra bene e male. 

Continuando sulla stessa strada il sentiero ti conduce a Vaje, conosciuto per la produzione del Canestrello, un biscotto locale che viene reso particolarmente fragrante dalla speciale cottura tra piastre di ghisa. Un percorso archeologico e naturalistico ti accompagnerà fino al santuario di San Pancrazio, risalente all'XI secolo, e finirà al museo dell'archeologia sperimentale.

Distanza: 20 km

Dislivello: +306 / -427 m

Giorno 4

Da Vaie to Avigliana, 15 km

Da Vaie to Avigliana, 15 km

L'imponente Sacra di San Michele (983-987 d.C) è un monumento simbolo del Piemonte, uno delle degli esempi più importanti di architettura romanica in Europa, un centro di cultura monastica e meta di pellegrinaggi da tutto il mondo: la Loggia dei Viretti, lo Scalone dei Morti, il Portale dello Zodiaco, l'Affresco con l'Assunzione della Vergine, il trittico del XVI secolo di Defendente Ferrari, e le pale dell'altare di Antonio Maria Viani di Cremona sono tra gli elementi che distinguono questo edificio sacro, il risultato di secoli di interventi e campagne decorative che sono culminata nell'889 con il grande restauro ad opera di Alfredo da Andrade.

La strada ti conduce poi al centro storico di Avigliana: il cuore medievale della città è la piazza Conte Rosso, caratterizzata dall'antico pozzo e dai suoi edifici porticati color terracotta. Avigliana è dominata dalle rovine del Castello Arduino, un tempo centro nevralgico delle ambizioni della dinastia Savoia sull'area torinese e distrutto dai francesi nel 1690.

Distanza: 15 km

Dislivello: +561 / -597 m

Giorno 5

Da Avigliana a Alpignano, treno a Torino, 15 km

Da Avigliana a Alpignano, treno a Torino, 15 km

L’itinerario continua in direzione di Rosta: costruita al tempo dei romani lungo la via Galia da Torino a Monginevro, nel medioevo diventò in parte dipendente da Rivoli e in parte soggetta al precettori o di Sant'Antonio di run verso, fino ad acquisire completa autonomia nel XVII secolo. 

Un breve tragitto in treno vi porterà a Torino-

Distanza: 15 km

Dislivello: +50 / - 90 m

Giorno 6

Cammino da Torino a Chivasso, ritorno a Torino 29 km

Cammino da Torino a Chivasso, ritorno a Torino 29 km

Attraversate il Po alla gran madre di Dio e camminate lungo l'argine destro del fiume attraverso il parco Michelotti e la riserva naturale di Meisino per poi continuare fino a San Mauro Torinese, conosciuto ai tempi romani come Pulchra Rada per la sua posizione molto favorevole, su una tratta navigabile del Po. 

Dopo aver oltrepassato il paese in direzione di Chivasso e il bosco del Vaj, protetto dal Parco naturale della collina torinese, arrivate alla chiesa di San Genesio, ricostruita in stile romanico a partire dalla cappella con lo stesso nome del 1156: il layout attuale è un rifacimento dell'inizio del XX secolo, ma l'abside centrale, l’abside sinistro e lo splendido campanile con finestre decorate sono originali.

A fine giornata, un treno ti riporterà a Torino per l'ultima serata del viaggio.

Distanza: 29 km

Dislivello: +50 / -106 m

Giorno 7

Arrivederci Torino!

Arrivederci Torino!

I nostri servizi terminano con la colazione, almeno che non abbiate prenotato servizi extra.

Dettagli

Cosa è incluso


La quota comprende

  • 6 pernottamenti in camera doppia in hotels *** ,B&B e agriturismi con prima colazione
  • trasporto bagagli da albergo ad albergo
  • transfer Susa-Moncenisio
  • documentazione di viaggio digitale (App), guida ufficiale del percorso
  • Credenziale del Pellegrino
  • assicurazione medico-bagaglio
  • supporto telefonico 24h su 24

La quota non comprende

  • viaggio per raggiungere le località di arrivo e partenza
  • i pranzi e le cene, salvo dove diversamente indicato.
  • le visite e gli ingressi - le mance
  • gli extra di carattere personale
  • eventuali tasse di soggiorno
  • tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Servizi aggiuntivi
Si possono richiedere oltre ai servizi compresi nella quota

  • supplemento camera singola
  • assicurazione annullamento
  • eventuali transfer per arrivare alla località di partenza o per ritornare dal punto di arrivo, che potranno essere quotati su richiesta

Sistemazione


Lavoriamo con hotel 3*, B&B e agriturismi che rispecchiano il nostro modo di vivere il viaggio: sono strutture confortevoli e di carattere, che scegliamo una per una, gestite da persone appassionate e accoglienti.

Se non specificato diversamente nella scheda di viaggio, tutte forniscono camere private con bagno interno e colazione inclusa. 

Qui di seguito vedi alcuni esempi delle strutture utilizzate per questo viaggio, ma considera che potrebbero variare in base alla disponibilità del periodo. Potremmo quindi prenotare per te delle strutture diverse da quelle che vedi qui elencate, ma di pari categoria e scelte con cura secondo i criteri SloWays. 

Convento Boutique hotel - Susa
La Locanda del Priore - Vaie
Hotel Roma e Cavour - Torino
Hotel Chalet del Lago - Avigliana

Quando viaggiare


Il clima nel nord Italia è generalmente molto mite con differenze a seconda della geografia della regione, dalle coste e valli alle aree continentali. I mesi più caldi sono generalmente luglio e agosto, con temperature che variano dai 23°C ai 30°C; le valli spesso registrano temperature più elevate e non è raro che si raggiungano i 38°C ai 40°C. Mentre giugno e settembre offrono entrambi un bel tempo caldo. Naturalmente, ci sono sempre eccezioni o periodi di siccità che causano alcuni giorni di grande caldo. La primavera (aprile e maggio) e l'autunno (ottobre e novembre) sono secchi, con giorni di sole ma alta probabilità di pioggia. Il tempo può cambiare molto rapidamente e bisogna essere preparati alla pioggia, alla foschia, al vento, alla nebbia (e anche a grandine o neve ad altezze maggiori) - specialmente in primavera e autunno.

Cosa portare


Maglie e pantaloni
Vi consigliamo di indossare pantaloni e pantaloncini comodi e magliette traspiranti: asciugano rapidamente, non assorbono umidità e sono acquistabili in molti negozi. Vi consigliamo di portare un paio di pantaloni larghi a indossare la sera. I pantaloncini sono utili in giornate particolarmente calde e umide.

Scarpe
L’importanza di avere un buon paio di scarpe è primaria. Vi invitiamo ad indossare scarpe robuste e di buona qualità, in grado di affrontare le diverse tipologie di terreno. Leggeri, resistenti all’acqua, traspiranti e con una buona protezione per le caviglie. FONDAMENTALE aver usato fatto diverse camminate con le scarpe nuove, prima di iniziare il cammino. Invece se le scarpe sono molto usate/vecchie, controllare che non si stia per scollare la suola. 

Scarpe da tennis/sandali
Vi consigliamo di portare con voi un paio di scarpe da tennis o sandali di buona qualità, da indossare la sera e durante le pause in cammino.

Calze e intimo
Portate delle calze di buona qualità, traspiranti e che asciugano velocemente. Ricordate di testarle prima di portarle in viaggio, per valutarne la comodità con gli scarponi. Portate una quantità di intimo sufficiente: tenete presente che le lavanderie a gettoni non sono garantite in tutte le strutture.

Giacche a vento, cappello, guanti
Consigliamo di portare indumenti caldi specialmente per la sera, in primavera e in autunno. Assicuratevi che siano adatti alle vostre esigenze: una giacca a vento leggera va bene anche per le sere d’estate. Se camminate in montagna o sulla costa, il tempo è imprevedibile anche d’estate: dovete quindi essere preparati ad ogni condizione atmosferica: nebbia, neve, pioggia, grandine. Vi consigliamo di avere sempre a portata di mano un paio di guanti e un cappello. 

Giacche e pantaloni impermeabili
Se venite colti da una pioggia improvvisa e indossate il key-way, dovreste rimanere asciutti. Sfortunatamente non tutti sanno che questi capi impermeabili si deteriorano con il tempo, perdendo qualità ed efficacia. In media durano tra 3 e 5 anni. Vi consigliamo di portare key-way con il cappuccio e pantaloni impermeabili con le zip ai lati, facilmente indossabili anche con gli scarponi.

Restrizioni di abbigliamento
Quando entrate nelle chiese o in luoghi di culto dovete indossare un abbigliamento appropriato: in molti di questi luoghi non sono accettati pantaloncini e canottiere. Vi consigliamo di portare una un telo per coprirvi le spalle (utile anche per evitare le scottature).

Borraccia e/o sacca idrica
Quando fai sport è molto importante essere e rimanere idratati, soprattutto se fa caldo. Bisogna bere prima di partire e durante l’attività. Consigliamo molto la sacca idrica perché puoi continuare a bere usando la lunga cannuccia, senza doverti fermare tutte le volte e togliere lo zaino per prendere la borraccia. Questa s’infila dentro allo zaino, ingombra poco perché piatta ed è capiente portando fino a 2Lt.

Bastoncini da trekking
Vivamente consigliati. Possono aiutare, in quanto scaricano una parte del peso dalle spalle alle bacchette. E' stato valutato che è come avere uno zaino pesante il 30% in meno, che non è poco. Ma occorre fare un po' di pratica, dato che la camminata di un quadrupede (con le due gambe naturali e i due bastoncini) è ovviamente diversa da quella di un bipede. Se soffrite di mal di schiena o alle ginocchia oppure non avete un granché di equilibrio, aiutano. 

Informazioni pratiche

Come arrivare


All'arrivo, raggiungere la stazione di Susa da Torino (treni diretti).

Alla partenza, dalla staizone di Torino potete raggiungere tutti i centri principali.

Orari disponibili online sul sito www.trenitalia.com

La nostra App


Se viaggiate con uno smartphone o un tablet Apple o Android, potete scaricare gratuitamente la App di sloWays.

Nella sezione “itinerari” visualizzare il vostro itinerario e sarete in grado di localizzare costantemente la vostra posizione sulla mappa grazie alla tecnologia GPS. Maggiori informazioni su come utilizzare l'app sono contenute nei documenti del roadbook che vi verranno consegnati una volta prenotato il viaggio. 

Tra le funzioni della nostra App personalizzata: 

  • Navigazione offline; non è richiesta copertura internet dopo aver scaricato l'itinerario.
  • Accurata navigazione basata su tracce GPS
  • Autorotazione delle Mappe
  • Descrizione giornaliera dell'itinerario e tabella delle altitudini
  • Vista panoramica dell'itinerario e navigazione a livello strada
  • Allarme e vibrazione che ti avvisano se vai fuori strada
  • Opzione d'emergenza per inviarci la vostra posizione nel caso vi siate persi
  • Possibilità di segnalare un punto in particolare e fare foto georeferenziate per informarci di problemi particolari
  • info sugli hotel 

Wanderlust Nominee Best Specialist Tour Operator 2023
Wanderlust
Nominee Best Specialist Tour Operator 2023
Cambia la valuta:

I tuoi pagamenti online sono protetti.

Metodi di pagamento accettati:

VISA MASTERCARD MAESTRO SATISPAY

I tuoi pagamenti online sono protetti.

Metodi di pagamento accettati:

VISA
MASTERCARD
MAESTRO
SATISPAY
FTO ATTA member
100% Green Travelife
FTO ATTA member 100% Green Travelife

Organizzazione tecnica
S-Cape Countryside Travels srl
Borgo Allegri 16R
50122 Firenze FI
P. IVA 05227330486

© 2024 SloWays. All rights reserved.
Touroperator | S-Cape Countryside Travels srl | Borgo Allegri 16R 50122 Firenze FI, Italia
Partita IVA 05227330486

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di funzionalità e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.

extraSmallDevice
smallDevice
mediumDevice
largeDevice
largeDevice
largeDevice