sloways
com
Insta FB
Email
phone: 055 2340736
FAQ
TROVA il tuo viaggio ideale!
TROVA il tuo
viaggio ideale!
Durata?
In gruppo lungo la via della Costa (26 Maggio -1 Giugno)
stile :
Difficoltà :
durata :
7 giorni
periodo:
Dal 26 Maggio al 1 Giugno
Codice:
ITGW07
prezzo da € 855
In gruppo lungo la via della Costa (26 Maggio -1 Giugno)
Foto

In gruppo lungo la via della Costa (26 Maggio -1 Giugno)

In gruppo lungo la via della Costa (26 Maggio -1 Giugno) - 7 giorni

Viaggio di gruppo internazionale, con guida italiana parlante inglese e gruppo misto aperto a parlanti italiano ed inglese.

Davanti a te il mare cristallino scintilla sotto il sole, mentre il faro di Punta Palascia si staglia candido contro il cielo azzurro. Tendi l’orecchio: le onde si infrangono contro scogli, le risate dei tuoi compagni di viaggio si mescolano allo stridere dei gabbiani. Il profumo del mare si fonde con quello dei fiori selvatici che colorano il sentiero, e la brezza ti accarezza il viso perlato. Sei nel punto più ad Est di Italia, e ci sei arrivato camminando. 

Ieri eri nel fresco della Cattedrale di Otranto, chino ad ammirare il mosaico dell’Albero della Vita, leggendo la storia celata nei suoi tasselli come pagine di un poema sul Santo Graal. Nei prossimi giorni camminerai lungo tratturi a picco sul mare, cercando tracce del culto greco alla Dea Minerva, ti immergerai nelle acque limpide di un’insenatura lontana dalla folla e infine raggiungerai Lecce: qui l’estro barocco convive con il rigore romano, i palazzi nobiliari con le viuzze colme di odori e sapori popolari. 

La Via della Costa è fatta per te se cerchi un viaggio pieno di contrasti, dove il mare è protagonista ma non padrone e i paesini di pescatori si alternano a città tutte da scoprire.;Sei pronto a lasciarti incantare dalla bellezza tangibile del paesaggio pugliese, ed imparare a cogliere le tracce spesso nascosta di civiltà lontane?

Itinerario
Giorno 1: 26/05 - Arrivo ad Otranto
Giorno 2: 27/05 - Da Otranto a Porto Badisco (12,5 Km)
Giorno 3: 28/05 - Da Porto Badisco a Santa Cesarea Terme, (12,5 Km)
Giorno 4: 29/05 - Da Santa Cesarea Terme a Marittima (11,5 Km)
Giorno 5: 30/05 - Da Marittima a Maria Serra (13,5 Km)
Giorno 6: 31/05 - Da Marina Serra a Gagliano del Capo / treno per Lecce (12,5 Km)
Giorno 7: 01/06 - Visita di Lecce e partenza

Giorno 1:    26/05 - Arrivo ad Otranto

Benvenuti in Puglia. Il nostro viaggio inizia ad Otranto, dove la prima avventura insieme è alla scoperta di una città in cui lo stile romano si fonde con bizantino e aragonese.

Il Castello Aragonese si staglia imponente sul mare, ma noi siamo diretti alla  Cattedrale Normanna: qui è custodito il mosaico dell’albero della vita, in cui leggeremo insieme storie della Bibbia e forse delle gesta di Re Artù. 

Da qui ci immergiamo nel cuore pulsante della città, e seguiamo le strette e rumorose viuzze verso il porto antico, tra l’odore delle pescherie e lo stridere dei gabbiani: qui pescherecci multicolore accendono l’azzurro del mare, dopo aver portato il pesce fresco che gusteremo nella nostra prima cena insieme. 

Giorno 2:    27/05 - Da Otranto a Porto Badisco (12,5 Km)

Il primo giorno di cammino sarà già indimenticabile: camminiamo lungo l’Adriatico, su sentieri pianeggianti ravvivati dai colori dei fiori selvatici e l’arancio sgargiante di una Cava di Bauxite, mentre la punta bianca del faro di Punta Palascia si fa sempre più vicina. 

Dal punto più ad Est d’Italia proseguiamo verso la nostra meta: un agriturismo immerso nella campagna, in cui rilassarsi e godersi la quiete del paesaggio.  

Itinerario: 5 ore, 12,5 km, 270m ascesa totale, 240m discesa totale 

Giorno 3:    28/05 - Da Porto Badisco a Santa Cesarea Terme, (12,5 Km)

Prima di tutto, un caffè. Lo gustiamo Da Carlo, il bar di Porto Badisco, dove scegliamo anche i prodotti locali con cui farcire i panini che ci rifocilleranno a pranzo. 

Anche oggi, il protagonista è il mare. Ci accompagna mentre camminiamo lungo la costa, fermandoci per prendere un po’ di fresco nei tondi rifugi di pietra che da secoli i pastori usano per riposare. 

Salutiamo poi il mare profondo - almeno per ora, ma tornerà a cercarci - per addentrarci nell’entroterra assolato, fino ad una piccola pineta dove ti puoi godere un po’ di ombra e il panino che sicuramente stai ormai bramando. 

La meta di oggi è Santa Cesarea Terme, conosciuto fin nel II secolo A.C. per le sue acque sulfuree che sgorgano da quattro grotte. Vuoi testare le loro virtù benefiche con un pomeriggio di relax? Preferisci l’acqua fresca del mare? La scelta è solo tua. 

 Itinerario: 4 ore, 13 km, 200m ascesa totale, 170m discesa totale 

Giorno 4:    29/05 - Da Santa Cesarea Terme a Marittima (11,5 Km)

Il cammino oggi ci porta fino a Castro: già abitato ai tempi dei Messapi e dai Greci. Qui sorgeva un tempio monumentale dedicato alla Dea Minerva, che dominava il mare dall’alto promontorio. 

Ci fermiamo qui per un viaggio nel tempo, leggendo insieme le tracce dell’antica necropoli che gli scavi hanno portato alla luce: nell’altare dedicato alla Dea della guerra sono state rinvenute ossa di animali sacrificati, il carbone delle pire sacrificali, le coppie in cui si conservava latte e vino da versare sulle ceneri. 

Tornati al presente, proseguiamo lungo un sentiero di rocce che ci riporta prima al nostro vecchio amico, il mare, e più avanti a Marittima, dove trascorriamo la notte in un palazzo nobiliare. 

Itinerario: 4,5 ore, 11,5 km, 309m ascesa totale, 245m discesa totale 

Giorno 5:    30/05 - Da Marittima a Maria Serra (13,5 Km)

Il primo tratto che percorriamo è su asfalto poco battuto, immerso nel silenzio di frutteti e immensi uliveti secolari. Ci risveglia il ronzio degli insetti e il soffio del vento tra gli ulivi mentre dall’asfalto passiamo ai tratturi, un sistema di antiche strade in pietra percorse dai pastori con le greggi, o dai contadini per raggiungere i frutteti e i mare. 

Leggiamo in ogni pietra e muretto a secco la storia della difficile vita contadina, arsa dal sole e la salsedine, prima di scendere verso Tricase Porto - qui ci sediamo per osservare l’andirivieni di paese e gustare un caffè freddo con un goccio di latte di mandorla, l’uso locale. 

C’è anche il tempo di un tuffo nel mare invitante prima di proseguire verso Marina Serra, un piccolo borgo costiero in cui rilassarsi nelle piscine naturali - perché dubitiamo che l’acqua salata e limpida vi abbia stancato. 

Itinerario: 4,5 ore, 13,5 km, 310m ascesa totale, 370m discesa totale 

Giorno 6:    31/05 - Da Marina Serra a Gagliano del Capo / treno per Lecce (12,5 Km)

Se dovessimo scegliere la tappa più suggestiva, sarebbe di certo questa. Ma sarete voi a decidere. Oggi ci avventuriamo sul Sentiero del Nemico e il Sentiero delle Cipolliane: nulla di pericoloso, se non il sole che batte sui tratturi a picco sul mare. 

Ti basterà un cappello e una buona protezione solare per goderti senza paura le viste mozzafiate sul mare, il fresco delle caverne che offrivano riparo ai pastori, e infine la profonda insenatura rocciosa di Ciolo - una delle immagini più vivide che ti rimarrà nella memoria. 

Dopo molto tempo per godersi il panorama proseguiamo fino a Gagliano del Capo, e l’ultima stazione dello stivale, dove un trenino ci porta a Lecce

Itinerario: 5 ore, 12,5 km, 520m ascesa totale, 380m discesa totale 

Giorno 7:    01/06 - Visita di Lecce e partenza

Lecce è una città dalle mille anime, mille sfumature da cogliere in un unico variopinto quadro in cui ci si può (e si deve) immergere. 

Percorriamo insieme le sue vie rumorose e profumate, colorate dai prodotti esposti dagli artigiani locali e pervase dalle urla dei venditori di strada. Lasciati tentare dal profumo che ti stuzzica dalla porta di un forno o ristorante, rapire dallo sgargiante stile Barocco delle sue chiese, sorprendere da teatri e anfiteatri romani nascosti tra viuzze e palazzi monumentali. 

Alla fine della visita, ci salutiamo - un arrivederci e non un addio - prima di lasciarti libero di continuare ad esplorare, o tornare a casa carico di ricordi. 

Siamo arrivati alla fine, ma ogni fine di un viaggio è l’inizio di un altro.

Sistemazione

Sistemazione in camera doppia condivisa in hotel, agriturismi o b&b. Tutte le camere dispongono di riscaldamento, aria condizionata e servizi privati. 

Informazioni pratiche

Arrivo ad Otranto

Il modo migliore per arrivare ad Otranto è raggiungere Lecce (collegata con treni diretti da Bari, punto di arrivo di vari treni ad alta velocità) e poi prendere un bus diretto per Otranto. 

Partenza da Lecce 

Da Lecce si raggiunge Bari, punto di partenza dell'alta velocità verso le principali stazioni italiane, con treni diretti. 

Incluso

La quota comprende

  • pernottamenti in camera doppia condivisa in hotels ***/agriturismo o b&b
  • accompagnatore per tutta la durata del viaggio - il viaggio è condotto in lingua italiana ed inglese
  • due cene bevande escluse
  • trasporto bagagli da albergo ad albergo
  • biglietto del treno per il giorno 6 (Gagliano del Capo – Lecce)
  • imposta di soggiorno
  • assicurazione medico-bagaglio
  • supporto telefonico 24h su 24

La quota non comprende

  • viaggio per raggiungere le località di arrivo e partenza
  • i pranzi e le cene, salvo dove diversamente indicato
  • le visite e gli ingressi - le mance
  • gli extra di carattere personale
  • eventuali tasse di soggiorno
  • tutto quanto non specificato sotto la voce “la quota comprende”

Attenzione: numero minimo di partecipanti per confermare il viaggio 6

Informazioni

Organizzazione tecnica
sloWays srl
Via Umberto I 98,
13884 Sala Biellese BI
P. IVA 02576590026

 

Questo sito utilizza cookies. Leggi la nostra politica-sulla-privacy.
extraSmallDevice
smallDevice
mediumDevice
largeDevice